Efectos secundarios adversos: Entrevista con el Dr. Rath sobre el “fármaco coronavirus” Remdesivir
May 19, 2020
U.S. President Donald Trump Threatens To Permanently Stop Funding World Health Organization
May 22, 2020

Effetti collaterali pericolosi: Intervista con il Dr Rath sul “farmaco coronavirus” Remdesivir

Remdesivir

Alla fine di aprile, un farmaco, Remdesivir, è stato presentato al mondo, apparentemente per aiutare i pazienti infettati durante la pandemia. Questo farmaco porta una speranza giustificata – o è solo clamore?

Che cosa stava succedendo in precedenza. Negli ultimi mesi, siamo stati tutti confrontati con una malattia virale che si è rapidamente trasformata in una pandemia. La ragione principale non è stata essenzialmente l’aggressività del virus, ma l’indebolimento del sistema immunitario di centinaia di milioni di persone.

Purtroppo, questo problema globale di un sistema immunitario indebolito non è una coincidenza. È stato creato deliberatamente nell’interesse di una società d’investimento, l’industria degli investimenti farmaceutici. Un contributo ottimale di vitamine e altri micronutrienti naturali sono l’unica misura scientificamente comprovata per rafforzare il sistema immunitario. Ma questa conoscenza potenzialmente salvavita sono stati deliberatamente nascosti alla gente del mondo, per il bene di una società d’investimento da un miliardo di dollari con farmaci farmaceutici brevettati.

L’attuale pandemia, cioè l’ipersensibilità dell’intera popolazione mondiale a un nuovo virus, è la conseguenza inevitabile di una “pandemia” molto più grande: l’immunodeficienza nell’organismo di centinaia di milioni di persone diffusa in tutto il mondo nel corso di decenni,nell’interesse dell’industria farmaceutica con preparati farmaceutici brevettati.

E ora che la gente sta affrontando le conseguenze globali di questo investimento multimiliardario, gli stessi settori di investimento stanno usando questa crisi per promuovere se stessi come “salvatori dell’umanità”. Tuttavia, i preparati farmaceutici adesso in discussione sono tutti tossici. I loro effetti collaterali noti includono danni al sistema immunitario, insufficienza di organi e persino deformità dei neonati.

Il primo di questi farmaci ora ufficialmente raccomandato dal governo degli Stati Uniti per i pazienti infettati durante la pandemia è Remdesivir, un farmaco prodotto dalla società statunitense Gilead. Il consigliere del governo degli Stati Uniti per la pandemia, Anthony Fauci, ha annunciato ad un pubblico mondiale sbalordito che questo farmaco era una sorta di farmaco pandemico per i pazienti infettati durante la pandemia. La stampa mondiale indipendente ha giudicato diversamente l’apparizione di Fauci – si è parlato di uno spettacolo di propaganda farmaceutica.

Qui di seguito sono riportate le risposte del Dr. Matthias Rath alle domande più pressanti su questo argomento.

Dr. Matthias Rath

Questo preparato farmaceutico è stato originariamente sviluppato per l’uso contro due tipi di virus che si manifestano principalmente in Africa, il virus Ebola e il virus Marburg. In entrambi i casi, la preparazione è fallita. Ora lo si sta testando per vedere se è efficace contro il virus che sta causando l’attuale pandemia.

Il primo importante studio clinico con questa sostanza è stato condotto in Cina, dove ha avuto origine l’attuale pandemia. I medici e gli scienziati coinvolti hanno stabilito che il preparato non era di alcuna utilità per i pazienti infettati dall’agente patogeno.  In effetti, lo studio è stato interrotto prematuramente. Sono morti più pazienti che avevano usato il farmaco (14%), rispetto al 13% del gruppo di controllo che non lo aveva usato. La frequenza dell’insufficienza polmonare (insufficienza respiratoria o sindrome da distress respiratorio acuto) era 5 volte superiore nel gruppo Remdesivir rispetto al gruppo di controllo, mentre la frequenza dell’insufficienza cardiopolmonare era 3 volte superiore.

La conclusione degli scienziati è: “In questo studio con pazienti ospedalizzati che soffrono di una grave infezione da COVID-19, Remdesivir non ha mostrato alcun beneficio sull’esito clinico o sull’infezione virale”. I risultati di questo studio sono stati pubblicati su una delle più prestigiose riviste mediche, The Lancet, il 29 aprile 2020.

Anche il secondo studio è stato terminato prematuramente, non dagli scienziati o dai pazienti, ma da Anthony Fauci. Con questo passo, ha voluto evitare che i media di tutto il mondo riportassero l’inefficacia del farmaco  di Gilead. Il giorno della pubblicazione dello studio cinese, il 29 aprile 2020, è apparso in televisione americana vantandosi di quelli che il New York Times ha successivamente descritto come “modesti” benefici del farmaco.

Fauci ha dovuto ammettere che non c’erano dati  differenti significativa di decessi ,tra il gruppo del farmaco  e il gruppo di controllo. Solo la durata della malattia è stata ridotta di qualche giorno, da 15 a 11 giorni. La notevole presentazione di Fauci non conteneva alcuna informazione sugli effetti collaterali del farmaco, sui risultati a lungo termine o su altri dati cruciali; finora non c’è stata nemmeno una pubblicazione scientifica dello studio.

Fu uno spettacolo di pura propaganda di Anthony Fauci e ebbe un solo risultato certo: il prezzo delle quote azionarie Gilead salì immediatamente. Non sorprende che molti membri del comitato americano, che ha stabilito le linee guida per il trattamento dell’attuale pandemia, dipendano finanziariamente da Gilead. Più di una mezza dozzina di questi “esperti” hanno completamente nascosto questo collegamento.

Remdesivir è una molecola sintetica che imita uno dei mattoni delle catene di materiale genetico DNA/RNA, un cosiddetto ‘analogo nucleotidico’. Quando viene somministrata ad un paziente, questa molecola sintetica viene incorporata nel suo materiale genetico, al posto del naturale blocco biologico, e quindi impedisce la crescita cellulare.

Fauci e gli interessi farmaceutici dietro di lui hanno dato l’impressione che questo farmaco, che perturba gravemente il metabolismo cellulare, possa essere utilizzato per bloccare in modo specifico la replicazione dei virus. Finora non ci sono prove di questo. Ciò che è certo, tuttavia, è che questa molecola non solo è inclusa nel materiale genetico del virus, ma ostacola anche la riproduzione sana di tutte le altre cellule del corpo.

L’uso di questo farmaco danneggia tutte le cellule del corpo – soprattutto quelle che si moltiplicano rapidamente, come le cellule del sangue che si formano nel midollo osseo. Questo porta ad una riduzione della produzione di tutti e tre i tipi di cellule del sangue nell’organismo: i globuli rossi (eritrociti), le piastrine (trombociti) e i globuli bianchi (leucociti) che sono responsabili della difesa dell’organismo contro virus, batteri e altri intrusi. Nel mondo medico questo effetto dannoso per il midollo osseo del farmaco è noto e viene chiamato ” mielotossicità”.

Sì, lo studio clinico pubblicato su The Lancet ha dimostrato che il numero di pazienti di Remdesivir con deficit di globuli rossi (anemia) era superiore del 50% rispetto al gruppo di controllo. Inoltre, nel gruppo trattato con il farmaco, il numero di pazienti con carenza di piastrine era superiore del 200% rispetto al gruppo di controllo.

Tutti i farmaci basati su questo meccanismo d’azione – l’incorporazione di molecole sintetiche nel DNA – hanno questo effetto di danno al midollo osseo. L’ingestione di questi farmaci è accompagnata dalle inevitabili conseguenze biologiche di questo danno: il rischio di anemia, la coagulazione del sangue disturbata e, soprattutto, l’indebolimento del sistema immunitario.

Prendendo Remdesivir e preparazioni simili per un periodo di tempo più lungo, si ha solo una modesta possibilità di miglioramento come paziente, se esiste. D’altra parte, l’indebolimento del sistema immunitario è un pericoloso effetto collaterale che ci si può sempre aspettare. È un effetto predeterminato dal meccanismo d’azione di questi farmaci.

I medici possono raccomandare questo prodotto per prevenire un’infezione virale?
Ogni medico qualificato è consapevole dei pericolosi effetti collaterali sopra citati. In ultima analisi, è responsabilità del medico decidere se somministrare questo farmaco a un paziente che ha contratto il virus durante l’attuale pandemia.

Tuttavia, se un medico dovesse consigliare Remdesivir per la prevenzione di questa o di altre malattie infettive, questo non sarebbe solo un crimine, ma anche un reato contro il paziente. L’indebolimento del sistema immunitario di Remdesivir e farmaci simili non riduce il rischio di infezione ma, al contrario, lo aumenta ulteriormente. Una tale raccomandazione mette deliberatamente in pericolo la salute e la vita dei pazienti e dovrebbe quindi portare ad un’azione legale contro il medico che prescrive, il politico o l’autorità.

SÌ. La campagna delle aziende farmaceutiche per combattere l’epidemia di HIV, in particolare in Sudafrica e in altri paesi in via di sviluppo, era volta non solo a diffondere i farmaci tossici “antiretrovirali” (ARV) tra i pazienti affetti da HIV, ma anche a costringere l’intera popolazione a prenderli, presumibilmente come misura preventiva.

A tal fine, le aziende farmaceutiche internazionali hanno creato famigerati gruppi di ” spacciatori” e persino finanziato partiti politici che cercano di influenzare l’opinione pubblica con lo slogan “ARV per tutti! Il benessere sociale sarebbe stato pagato dallo Stato solo per quei pazienti affetti da HIV le cui cellule immunitarie – utilizzando ARV tossici – erano state spinte al di sotto di un valore sanguigno minimo compatibile con la vita.

Questo modello di business delle aziende farmaceutiche con la crisi dell’HIV nei Paesi in via di sviluppo era tanto semplice quanto privo di scrupoli. All’ombra della crisi, hanno cercato di espandere il loro mercato farmaceutico globale in due modi principali. In primo luogo, hanno cercato di prescrivere farmaci antiretrovirali ai pazienti affetti da immunodeficienza. I noti effetti collaterali di questi farmaci hanno portato ad un ulteriore indebolimento del sistema immunitario. In secondo luogo, danneggiando chimicamente il sistema immunitario delle persone con i farmaci antiretrovirali, hanno cercato di trasformare le popolazioni non ancora colpite dall’infezione da HIV in potenziali “clienti” di antibiotici e di numerosi altri farmaceutici.

La nostra fondazione ha riassunto ampiamente questo “colonialismo farmaceutico” senza scrupoli nel libro “END AIDS !“.

Considero mia la responsabilità di far notare ai cittadini europei e al mondo intero che i lobbisti farmaceutici e i politici affamati di potere cercheranno senza dubbio di promuovere questo modello di business senza scrupoli in tutto il mondo come una “precauzione” necessaria contro questa e le future pandemie.

No. Queste attività non sono eccezioni, ma la regola .In effetti, questa è la base delle attività di investimento farmaceutiche.  Il mercato di questo settore degli investimenti da miliardi di dollari è concentrato sulla malattia attuali . L’intero modello di business del settore è incentrato sulla conservazione e l’espansione di questo mercato. La base operativa di questo settore degli investimenti è comprensibile per tutti, basta riflettere.

La chemioterapia, ad esempio, un mercato globale multimiliardario per l’industria farmaceutica. La chemioterapia è raccomandata e somministrata ai pazienti affetti da cancro, nonostante l’industria farmaceutica sappia molto bene che l’effetto collaterale più comune di questi preparati tossici è lo sviluppo di nuovi tumori nel corpo del paziente. Per nascondere questo fatto, nelle statistiche di sopravvivenza alla chemioterapia vengono riportate solo i decessi dopo tre o cinque anni dalla fine dalla cura.

E poi ci sono i casi dell’industria farmaceutica basati sulla paura per gli  attacchi delcuore. Per quasi tre decenni, l’industria farmaceutica ha cercato di far credere che gli elevati livelli di colesterolo fossero la causa di infarti e ictus. E l’unico modo per prevenire questi eventi spesso mortali era, secondo i lobbisti farmaceutica, l’uso di statine ipocolesterolemizzanti.

Oggi sappiamo che gli elevati livelli di colesterolo non sono la principale causa di danni ai vasi sanguigni e ai depositi aterosclerotici. Se lo fosse, non avremmo infarti in primo luogo, nelle arterie coronarie del cuore. Avremmo anche infarti nel naso, nell’orecchio o nel gomito, perché i livelli di colesterolo sono gli stessi in tutto il corpo.  Inoltre, ora sappiamo che i farmaci a base di statina stimolano le cellule della parete dei vasi sanguigni a produrre più molecole di calcio. Questi farmaci non rallentano la calcificazione delle arterie, ma la accelerano, come hanno dimostrato studi clinici.

Esattamente lo stesso principio viene applicato con le malattie infettive e, a meno che non vi si opponga, sarà applicato dagli scagnozzi dell’industria farmaceutica di tutto il mondo per l’attuale pandemia. C’è solo un modo efficace per prevenire. Dobbiamo vedere il modello di business dell’industria farmaceutica per quello che è: la più grande frode nella storia dell’umanità, che promette salute alle persone in tutto il mondo, ma si nutre della continuazione e della diffusione mirata delle malattie.

Non essendo noti gli agenti patogeni delle future pandemie, ci può essere una sola prevenzione significativa: rafforzare le difese del nostro organismo. Dobbiamo garantire che venga prodotto un numero sufficiente di globuli bianchi e che essi possano anche svolgere i loro compiti di difesa contro i molti potenziali invasori come virus, batteri e altri agenti patogeni.

Quando parliamo con altre persone, dobbiamo essere chiari: l’unica misura scientificamente provata per costruire un sistema immunitario sano è l’assunzione ottimale di vitamine e altri micronutrienti – sia attraverso una dieta ricca di frutta e verdura che attraverso integratori alimentari efficaci.

Nico Molitor

Nico Molitor

Born in the year the King of Rock & Roll died, Nico was raised as a protestant in mainly catholic Westphalia, in Germany. In 1992, at the age of fifteen, he took the stage in his hometown at a concert against right-wing violence and presented one of his poems. In subsequent years, he finished school and published two of his poems in anthologies. Seeing and experiencing the unbelievable opportunities of the World Wide Web in the 1990s, Nico started to develop web sites. Today, he is still creating web sites and is a public speaker on web-related topics in Germany, the Netherlands, and Poland. A devoted fan of 1. FC Cologne and the Kansas City Chiefs, Nico lives in rural Northrine-Westphalia, Germany, and is a firm believer in net neutrality.
Geboren in dem Jahr, in dem der King of Rock & Roll starb, wuchs Nico als Protestant im hautsächlich katholischen Westfalen auf. 1992 trat er als Fünfzehnjähriger bei einem Konzert gegen rechte Gewalt in seiner Heimatstadt auf und präsentierte dort eines seiner Gedichte. In den folgenden Jahren beendete er die Schule und veröffentlichte zwei Gedichte in Anthologien. In den 1990ern sah und erlebte er die unglaublichen Möglichkeiten des „World Wide Webs“ und entwickelte seine ersten Websites. Heute erstellt er weiterhin Websites und spricht als Redner für webbezogene Themen in Deutschland, den Niederlanden und Polen. Der Fan vom 1. FC Köln und den Kansas City Chiefs lebt im ländlichen Nordrhein-Westfalen (Deutschland) und unterstützt alternativlos die Netzneutralität.
Nico Molitor
Nico Molitor
Born in the year the King of Rock & Roll died, Nico was raised as a protestant in mainly catholic Westphalia, in Germany. In 1992, at the age of fifteen, he took the stage in his hometown at a concert against right-wing violence and presented one of his poems. In subsequent years, he finished school and published two of his poems in anthologies. Seeing and experiencing the unbelievable opportunities of the World Wide Web in the 1990s, Nico started to develop web sites. Today, he is still creating web sites and is a public speaker on web-related topics in Germany, the Netherlands, and Poland. A devoted fan of 1. FC Cologne and the Kansas City Chiefs, Nico lives in rural Northrine-Westphalia, Germany, and is a firm believer in net neutrality.
Geboren in dem Jahr, in dem der King of Rock & Roll starb, wuchs Nico als Protestant im hautsächlich katholischen Westfalen auf. 1992 trat er als Fünfzehnjähriger bei einem Konzert gegen rechte Gewalt in seiner Heimatstadt auf und präsentierte dort eines seiner Gedichte. In den folgenden Jahren beendete er die Schule und veröffentlichte zwei Gedichte in Anthologien. In den 1990ern sah und erlebte er die unglaublichen Möglichkeiten des „World Wide Webs“ und entwickelte seine ersten Websites. Heute erstellt er weiterhin Websites und spricht als Redner für webbezogene Themen in Deutschland, den Niederlanden und Polen. Der Fan vom 1. FC Köln und den Kansas City Chiefs lebt im ländlichen Nordrhein-Westfalen (Deutschland) und unterstützt alternativlos die Netzneutralität.